Questo sito utilizza i cookie per offrire tutte le sue funzionalità. Cliccando su accetto, acconsenti al loro utilizzo secondo la nostra cookie policy - Leggi di più - Acconsento
Rosso
Azienda Agricola Meroni

Amarone della Valpolicella Classico Riserva DOCG "Il Velluto" 2012

Condividi
Sensi
Sapore
Confetture di frutti di bosco, anguria matura, petali di rosa appassiti, spezie piccanti, anice stellato, rabarbaro, tabacco da pipa
Colore
Rosso rubino
Affinamento
5 anni in messo in botti di rovere di Slavonia da 25 hl
57,90 €
Dettagli
Cantina
Azienda Agricola Meroni
Sapore
Confetture di frutti di bosco, anguria matura, petali di rosa appassiti, spezie piccanti, anice stellato, rabarbaro, tabacco da pipa
Annata
2012
Colore
Rosso rubino
Denominazione
Amarone della Valpolicella Classico Riserva DOCG
Vitigni
Corvina, Corvinone, Rondinella
Affinamento
5 anni in messo in botti di rovere di Slavonia da 25 hl
Alcol
16,5% VOL
Uvaggio
35% Corvina 30% Corvinone 25% Rondinella 10% Molinara
Formato
0,75 l
Regione
Veneto
Perfetto per
Un pranzo speciale, Una grande occasione, Sorprendere gli ospiti, Un regalo inaspettato, Festeggiare, Fare bella figura, Una cena importante
Temperatura
16-18° C
Decantazione
2h
Calice
VINI ROSSI MATURI E MOLTO CORPOSI
Info legali
Contiene solfiti

Il piatto Perfetto

Faggiano in umido con funghi

Abbinamenti

Carne
Formaggi
Selvaggina
Sensazioni
Un vino rosso rubino dal profumo etereo e il delicato profumo di liquore di ciliegia, marmellata di gelso rosso, viola, liquirizia, in fase evoluta a tamarindo funghi e spezie. Sorso caldo, avvolgente, con morbidezza glicerica ben sostenuta da gustosa acidità . Nella cucina tipica lo troviamo come ingrediente principale nel “Risotto all’Amarone” o in abbinamento a bistecche di carne di grande struttura a cacciagione e formaggi di lunga stagionatura. Vino che si presta al lungo lunghissimo invecchiamento in bottiglia 15-20 anni.
Curiosità
Prodotte 6400 bottiglie.L’Amarone è oggi uno dei grandi vini italiani che da prime testimonianze trova le sue origini dopo la seconda guerra mondiale, così chiamato perchè ci riconduce al sapore “amaro” si narra infatti che il nome lo distingue dal dolce “Recioto dal quale sembra derivare come un “recioto scapà” grazie al fortunato ritrovamento di una botte di recioto dimenticata in cantina, spillando il Recioto Amaro dal fusto, uscì in una esclamazione entusiastica: “Questo non è un Amaro, è un Amarone”. I grappoli, rigorosamente raccolti a mano esclusivamente nel podere “Maso” nella zona della “Grola”, vengono accuratamente scelti in base al diradamento degli acini e alla sanità dell’uva, la giusta aerazione fra loro fa sì che non si producano muffe dannose e marcizioni durante il periodo dell’appassimento che renderebbero l’uva inutilizzabile. L’appassimento naturale dura da fine settembre a alla metà di Gennaio circa, come per tradizione, per ottenere una maggiore concentrazione di zuccheri e strutture perdendo circa il 30% del loro iniziale volume, poi l’invecchiamento in botte per 5 anni circa come da tradizione seguito da dodici mesi di affinamento in bottiglia rende l’Amarone un vino maestoso al palato, di grande corpo e rotondità dato dal tannino "di velluto”.
Write Your Own Rasdsadsdeview
Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi o crea un account