Questo sito utilizza i cookie per offrire tutte le sue funzionalità. Cliccando su accetto, acconsenti al loro utilizzo secondo la nostra cookie policy - Leggi di più - Acconsento
Bianco
SanVitis

Bellone IGT Lazio 2017

Condividi
Sensi
Sapore
Note fruttate mature di agrumi e pesca, con leggeri sentori di mandorla sulla fine
Colore
Giallo paglierino
Affinamento
Acciaio
Prezzo speciale 11,90 € Prezzo predefinito 13,90 €
Dettagli
Cantina
SanVitis
Sapore
Note fruttate mature di agrumi e pesca, con leggeri sentori di mandorla sulla fine
Annata
2017
Colore
Giallo paglierino
Denominazione
Lazio IGT
Vitigni
Bellone
Affinamento
Acciaio
Alcol
12% VOL
Uvaggio
100% Bellone
Formato
0,75 l
Regione
Lazio
Temperatura
8-10° C
Decantazione
Da bere subito
Calice
VINI BIANCHI GIOVANI E FRESCHI
Info legali
Contiene solfiti

Il piatto Perfetto

Faggiano in umido con funghi

Abbinamenti

Formaggi
Pasta
Pesce
Sensazioni

Di un colore giallo paglierino brillante con riflessi dorati. Al naso ha delle note fruttate mature di agrumi e pesca, con leggeri sentori di mandorla sulla fine. Un vino molto “maschio”, che sorprende al primo sorso. Al palato è, infatti, asciutto e poco aromatico. Fresco nel complesso, sapido in bocca con accenti minerali, intenso, equilibrato e persistente. Si abbina perfettamente con la classica cucina romana, i formaggi stagionati, il fritto e piatti a base di pesce.

Curiosità

Il vitigno Bellone a bacca bianca viene coltivato nelle regioni CampaniaLazio e Umbria.

Il vitigno Bellone è una tipologia di uva che ha maggiore espansione nel del Lazio, soprattutto nella provincia di Roma. Ha molti sinonimi fra cui Cacchione, Pampanaro, Bellobuono, Uva Pane, Zinna vacca, Arciprete, Pacioccone. L'Uva fantastica citata da Plinio, secondo il Bacci (1596) potrebbe essere proprio il Bellone.

Nel Bollettino Ampelografico del 1881 era descritta come vitigno con grappoli dalle proporzioni maggiori ma dai caratteri analoghi ai Belli, gruppo di vitigni diffusi intorno a Roma. Osservazioni confermate anche da Mangarino nel 1888 e Mancini nel 1893.

Write Your Own Rasdsadsdeview
Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi o crea un account