Questo sito utilizza i cookie per offrire tutte le sue funzionalità. Cliccando su accetto, acconsenti al loro utilizzo secondo la nostra cookie policy - Leggi di più - Acconsento

Ca' di Rajo

Moltiplica la felicità per cinque, anzi per sei!

Abbiamo creato una selezione da non perdere di 6 bottiglie..una te la regaliamo noi! Scegli il tuo vino preferito, così non rimarrai mai senza!.

Cerca le etichette con l'Extra Sconto

 

Ca' di Rajo

"Vini moderni in un affascinante contesto storico"

A San Polo di Piave, in provincia di Treviso, c’è chi preserva una forma di allevamento storica per la viticoltura italiana e non solo. Salvare le Bellussere - metodo di allevamento della vite basato su un sistema a raggi, messo a punto dai fratelli Bellussi alla fine dell’800 - è infatti l’impegno dell’azienda Ca’ di Rajo, guidata dalla famiglia Cecchetto, ex mezzadri Giol, divenuti proprietari di questa realtà che oggi esporta in circa 50 Paesi i suoi vini, principalmente Prosecco Doc e Docg e Raboso. La volontà di non sradicare viti di oltre 70 anni, nonostante l’impossibilità di meccanizzarne le operazioni di potatura e vendemmia, è portata avanti con tenacia da Simone, Alessio e Fabio Cecchetto, nipoti del fondatore Marino Cecchetto e decisi a combattere la stessa battaglia del nonno in difesa di un metodo di allevamento tipico di quest’area di risorgiva che si snoda lungo le terre del fiume Piave. Conservare 15 ettari di Bellussera, una forma di impianto che rischia l’estinzione, non è semplice. La viticoltura in questo vigneto si può condurre esclusivamente a mano: la vendemmia si compie a circa 3 metri da terra, sotto le viti disposte a raggiera e lo stesso vale per la potatura. Le operazioni di raccolta delle uve si svolgono grazie a un rimorchio e a un pianale che consentono di raggiungere l’altezza necessaria. La Bellussera, infatti, prevede un sesto di impianto ampio dove pali in legno di circa 4 metri di altezza sono tra loro collegati da fili di ferro disposti a raggi. Ogni palo sostiene 4 viti, alzate circa m. 2.50 da terra, da ciascuna delle quali si formano dei cordoni permanenti che vengono fatti sviluppare inclinati verso l’alto e in diagonale rispetto all’interfilare, formando una raggiera. Nei 15 ettari a Bellussera Ca’ di Rajo coltiva le varietà Raboso, Glera, Chardonnay, Pinot Bianco, Sauvignon, Verduzzo, Merlot. A queste si aggiungono il Manzoni Rosa, autoctono ormai raro, da cui la cantina di San Polo di Piave produce uno spumante Extra Dry Millesimato e la Marzemina Bianca da cui nasce l’omonimo spumante Brut. Se le Bellussere rappresentano una tradizione dalle radici antiche, lo stesso Manzoni Rosa firmato Ca’ di Rajo racchiude in sé un pezzo di storia della viticoltura: questa varietà, infatti, nacque grazie alle sperimentazioni del prof. Manzoni, genetista, che tentò un miglioramento genetico della vite contro le epidemie devastatrici che colpirono i vigneti negli ultimi anni dell’Ottocento. Il Manzoni Rosa è frutto di un incrocio tra Traminer e Trebbiano) Le Bellussere sono un patrimonio storico da custodire su cui si fonda la memoria della nostra identità e la tipicità di un territorio - spiega Simone Cecchetto, giovane titolare dell’azienda insieme ai fratelli Fabio e Alessio -. Da questi vigneti siamo partiti per costruire la grandezza del nostro futuro".

Taverna Wines

Informazioni

RegioneVeneto
Vitigni PrincipaliRaboso, Manzoni Bianco, Pinot Grigio, Chardonnay, Traminer, Sauvignon Blanc, Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc e Merlot.
Ettari Vitati100
Produzione Annua100.000 bt
IndirizzoVia del Carmine 2/2 31020 - San Polo di Piave (TV)

Scopri i nostri vini

Filtri