Questo sito utilizza i cookie per offrire tutte le sue funzionalità. Cliccando su accetto, acconsenti al loro utilizzo secondo la nostra cookie policy - Leggi di più - Acconsento
Rosso
Guidi

Brunello di Montalcino DOCG "Collezione Famiglia Guidi" 2015

Condividi
Sensi
Sapore
Frutto maturo con ricordi di liquirizia, cuoio, terra e macchia mediterranea
Colore
Rosso rubino
Affinamento
30 mesi in botte di rovere di Slavonia
36,90 €
Dettagli
Cantina
Guidi
Sapore
Frutto maturo con ricordi di liquirizia, cuoio, terra e macchia mediterranea
Annata
2015
Colore
Rosso rubino
Denominazione
Brunello di Montalcino DOCG
Vitigni
Sangiovese
Affinamento
30 mesi in botte di rovere di Slavonia
Alcol
14,5% VOL
Uvaggio
100% Sangiovese
Formato
0,75 l
Regione
Toscana
Temperatura
18-20° C
Decantazione
1h
Calice
VINI ROSSI MATURI E MOLTO CORPOSI
Info legali
Contiene solfiti

Il piatto Perfetto

Faggiano in umido con funghi

Abbinamenti

Carne
Formaggi
Selvaggina
Sensazioni
Il marchio “COLLEZIONE FAMIGLIA GUIDI” nasce per contraddistinguere bottiglie speciali, di grande carattere. Non a caso il primo vino creato è stato il Brunello. Si tratta di prodotti che sono il frutto della passione, della storia, il lascito per le future generazioni della Famiglia Guidi. Colore rosso rubino. Al naso frutto maturo con ricordi di liquirizia, cuoio, terra e macchia mediterranea; la piacevole morbidezza è contrastata da una viva acidità con tannini di grande estrazione. Il Brunello trova abbinamento ottimale con i formaggi (tome stagionate, pecorino toscano, gorgonzola piccante, parmigiano reggiano) e con piatti della cucina internazionale sempre a base di carne o con salse strutturate.
Curiosità
Il 2015 è "l'annata del secolo" lo dice James Suckling. “La 2015 è un’annata storica per il Brunello di Montalcino, che nessuno dovrebbe perdersi. I vini mostrano una impressionante precisione, nei frutti vividi, nei tannini eleganti, nella freschezza, nell’acidità, nonostante una grande maturità e ricchezza, caratteristiche che ne fanno una delle annate più interessanti da anni” Dopo i mesi invernali e primaverili caratterizzati da temperature sostanzialmente nella media e da piogge contenute, la torrida finestra estiva ha fatto da spartiacque. Rispetto ad altre annate afose del nuovo millennio, tuttavia, i picchi di calura sono risultati meno estremi e le tempestive piogge di fine luglio hanno contribuito a limitare i fenomeni di stress per le piante, unitamente alle significative escursioni termiche registrate tra agosto e settembre. E poi le ultime fasi di maturazione del sangiovese montalcinese, agevolate dal meteo asciutto e ventilato che ha accompagnato anche la raccolta, completata nei primi giorni di ottobre (leggermente in anticipo rispetto ai tempi canonici).
Write Your Own Rasdsadsdeview
Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi o crea un account