Questo sito utilizza i cookie per offrire tutte le sue funzionalità. Cliccando su accetto, acconsenti al loro utilizzo secondo la nostra cookie policy - Leggi di più - Acconsento
Bianco
Buranco

Cinque Terre DOC 2019

Condividi
Sensi
Sapore
Forti note agrumate su sfondo minerale e balsamico di erbe officinali
Colore
Giallo paglierino
Affinamento
Acciaio
Prezzo speciale 21,90 € Prezzo predefinito 26,90 €
Dettagli
Cantina
Buranco
Sapore
Forti note agrumate su sfondo minerale e balsamico di erbe officinali
Annata
2019
Colore
Giallo paglierino
Denominazione
Cinque Terre DOC
Vitigni
Albarola, Bosco, Vermentino
Affinamento
Acciaio
Alcol
12,5% VOL
Uvaggio
60% Bosco 20% Albarola 20% Vermentino
Formato
0,75 l
Regione
Liguria
Perfetto per
Un pranzo tra amici, Un pranzo in famiglia, Un pranzo all’aperto, Una cena tra amici, Una cena in relax, Una cena all'aperto, Serata in giardino tra amici, Una giornata in riva al mare
Temperatura
8-10° C
Decantazione
Da bere subito
Calice
VINI BIANCHI GIOVANI E FRESCHI
Info legali
Contiene solfiti

Il piatto Perfetto

Faggiano in umido con funghi

Abbinamenti

Antipasti
Aperitivo
Crostacei
Formaggi
Pasta
Pesce
Sensazioni

Questo Cinque Terre DOC si presenta nel calice di un colore giallo paglierino acceso con luminosi riflessi dorati. Al naso è fresco e fruttato con forti note agrumate come pompelmo ed arancia amara su sfondo minerale e balsamico di erbe officinali come salvia, timo, nepetella, tipiche della macchia mediterranea e molto comuni nei terreni liguri. Ha un bel corpo ed armonia tra la componente acida e quella morbida; finale molto sapido e dalla persistente mineralità all'insegna del terroir delle Cinque Terre, dove il contatto permamente delle uve con il mare e la salsedine contribuisce in modo molto netto alla creazione del profilo sensoriale. E' un vino da aperitivo, che si sposa benissimo con antipasti freschi e saporiti del vasto assortimento regionale ligure sia di mare che di terra.

Curiosità
Buranco sorge in una zona dai paesaggi mozzafiato che fa pensare alla costiera amalfitana essendo molto simile nella tortuosa alternanza della montagna alla costa, al mare e ai piccoli borghi. In territori impervi come questi, l’isolamento geografico nel passato ha determinato povertà ed una emigrazione che ha quasi spopolato alcune aree. Quell’essere rimasti sospesi nel tempo e abitanti di luoghi sì difficili, ma unici e dalla forte identità, oggi concede un cambiamento di tendenza che gioca a favore di chi sa coglierlo. Nel senso che molte tradizioni, usanze, paesaggi, sono rimasti autentici e integri, così come la biodiversità ha mantenuto la sua ricchezza. A sua volta la vitivinicoltura ha preservato un carattere unico e fortemente identitario, anche se questo settore in particolare ha visto un notevole abbandono delle terre da parte dei vignaioli sfiduciati dalle grandi difficoltà dovute all’asperità del territorio. Le strette terrazze strappate con fatica ai rocciosi crinali e le forti pendenze del suolo rendono particolarmente duro il lavoro manuale. Ma la sensibilità rivolta oggi verso il mondo del vino e nei riguardi di realtà così uniche e coinvolgenti ha acceso l’interesse sull’enologia delle Cinque Terre, incentivando i produttori a reinvestire nel settore.
Recensione (1)
Valutazione:
60% of 100
Write Your Own Rasdsadsdeview
Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi o crea un account

1 elemento

Mostra per pagina
  1. 60%
    per annata 2018
    buono ma troppo caro per il suo valore
See all (+-1)Show less