Questo sito utilizza i cookie per offrire tutte le sue funzionalità. Cliccando su accetto, acconsenti al loro utilizzo secondo la nostra cookie policy - Leggi di più - Acconsento
Bianco
Coronea

Franciacorta Brut DOCG

Condividi
Sensi
Sapore
Ricordi di agrumi, frutta esotica e fiori freschi
Colore
Giallo dorato
Affinamento
30 mesi sui lieviti
Prezzo speciale 98,32 € Prezzo predefinito 119,90 €
Dettagli
Cantina
Coronea
Sapore
Ricordi di agrumi, frutta esotica e fiori freschi
Annata
2018
Colore
Giallo dorato
Denominazione
Franciacorta DOCG
Vitigni
Chardonnay
Affinamento
30 mesi sui lieviti
Alcol
12% VOL
Uvaggio
100% Chardonnay
Formato
0,75 l
Regione
Lombardia
Perfetto per
Un aperitivo, Un pranzo speciale, Una cena tra amici, Una cena da ricordare, Sorprendere gli ospiti, Un regalo inaspettato, Festeggiare, Fare bella figura, Una cena importante
Temperatura
8-10° C
Decantazione
Da bere subito
Calice
SPUMANTI METODO CLASSICO
Dosagè
brut
Info legali
Contiene solfiti

Il piatto Perfetto

Faggiano in umido con funghi

Abbinamenti

Antipasti
Aperitivo
Carne
Crostacei
Formaggi
Pasta
Pesce
Pizza
Sensazioni

Nel calice, il Franciacorta di Coronea si presenta di un dorato brillante con perlage fine e persistente. Primo naso di un’invitante e suadente pasticceria, in cui si rincorrono ricordi di agrumi, frutta esotica e fiori freschi. Convince anche al palato, dove il perlage si fa spuma sottile e avvolgente, tanto da richiamare la percezione avvolgente tipica d’un Satén. È una sensazione di “morbido asciutto” quella che lascia in bocca il Franciacorta Coronea. Qualcosa di aristocraticamente garbato, pur nella sua estrema nettezza. Da provare con un piatto di ravioli di cernia e porcini.

Curiosità

All’altezza anche le scelte estetiche. Un Franciacorta dall’etichetta in rilevo, stampata su metallo. A dominarla, il logo della cantina Coronea: il leone di Giuda, appunto coronato, che appare nel libro della Genesi. Così come Coronea è assieme genesi di un’avventura e rinnovata somma, per Andrea Bignotti e Chiara Turelli. La scritta in latino sullo stendardo, Lux in tenebris lucet, fa riferimento al concetto di vino della coppia: “Un nettare che porta convivialità e, a suo modo, diventa qualcosa capace di risplendere nelle tenebre”. Stralci di simbolismo anche nella presenza di una palma e della stessa corona. La cantina si trova in via Santo Stefano Martire a Sale di Gussago, poco lontano dalla casa parrocchiale intitolata al primo martire. Palma e corona sono i simboli del santo, morto lapidato. Infine la scritta Franciacorta, la cui particolarità risiede nella scelta del carattere. “Un corsivo italico – spiega Andrea Bignotti – coniato da Bernardino Cataneo per la lettera indirizzata al Caterina de’ Medici, utile ad accompagnare il regalo di un volume dell’Orlando furioso, il poema di Ludovico Ariosto”.

Write Your Own Rasdsadsdeview
Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi o crea un account