Questo sito utilizza i cookie per offrire tutte le sue funzionalità. Cliccando su accetto, acconsenti al loro utilizzo secondo la nostra cookie policy - Leggi di più - Acconsento
Bianco
Mimmo Paone

Malvasia delle Lipari 2016

Condividi
Sensi
Sapore
Agrumi canditi, le zagare in fiore e in miele, la pesca sciroppata
Colore
Giallo dorato
Affinamento
6 mesi in botte grande
Bibenda
4 Grappoli
Luca Maroni
90/99
Veronelli
90/100
19,90 €
Dettagli
Cantina
Mimmo Paone
Sapore
Agrumi canditi, le zagare in fiore e in miele, la pesca sciroppata
Annata
2016
Colore
Giallo dorato
Denominazione
Messina DOC
Vitigni
Malvasia
Affinamento
6 mesi in botte grande
Alcol
14% VOL
Uvaggio
95% Malvasia di Lipari 5% Corinto Nero
Formato
0,5 l
Regione
Sicilia
Perfetto per
Una cena in relax, Sorprendere gli ospiti, Raccontare una storia a cena
Temperatura
16-18° C
Decantazione
Da bere subito
Calice
VINI DOLCI O PASSITI
Info legali
Contiene solfiti

Il piatto Perfetto

Faggiano in umido con funghi

Abbinamenti

Dolci e Desserts
Sensazioni
Di un colore giallo dorato. Tipico profilo olfattivo disegnato dai tratti minerali all’interno dei quali si esprimono gli agrumi canditi, le zagare in fiore e in miele, la pesca sciroppata. Massa alcolica e residuo zuccherino incontrano moderata freschezza e irruenta sapidità a snellirne il percorso. Lungo finale carico di echi canditi. Eccellente vino da dessert, si abbina con biscotti secchi, come piparelle, sesamini o cantucci .
La Malvasia delle Lipari è stato premiato con: Medaglia d'Argento Concorso Mondial des Vins Extremes e  Medaglia Oro a "Il mondo delle Malvasie".
Curiosità

Il malvasia Delle Lipari Passito, è uno dei 3 vini a Denominazione di Origine Controllata della provincia di Messina. Il procedimento per ottenere questo vino da Dessert, prevede una raccolta tardiva in periodo di super-maturazione e un successivo appassimento delle uve su appositi graticci al cocente sole dell'isola di Salina. Una volta che, per evapotraspirazione dell'acqua si sono concentrati gli zuccheri all'interno degli acini, viene pigiata. Il successivo procedimento di fermentazione, che avviene ad opera dei lieviti, non viene completato a causa di una alta percentuale di zuccheri. Questo comporta che, l'alcool prodotto, ottenuto, proviene dalla naturale fermentazione avvenuta, mentre lo zucchero residuo, indecomposto, è naturale per l'appassimento che in precedenza avevamo effettuato. 

Da degustare a temperatura di 16/18°, anche se c'è chi lo preferisce freddo. 

Write Your Own Rasdsadsdeview
Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi o crea un account