Questo sito utilizza i cookie per offrire tutte le sue funzionalità. Cliccando su accetto, acconsenti al loro utilizzo secondo la nostra cookie policy - Leggi di più - Acconsento
Rosé
L'Autin

Spumante Metodo Classico Rosè Brut "Eli"

Condividi
Sensi
Sapore
Sentori di lievito e crosta di pane, delicati di piccoli frutti rossi.
Colore
Rosa tenue
Affinamento
Almeno 36 mesi sui lieviti delle miniere di talco della Val Germanasca.
30,90 €
Dettagli
Cantina
L'Autin
Sapore
Sentori di lievito e crosta di pane, delicati di piccoli frutti rossi.
Annata
Senza annata
Colore
Rosa tenue
Denominazione
VSQ
Vitigni
Pinot Nero
Affinamento
Almeno 36 mesi sui lieviti delle miniere di talco della Val Germanasca.
Alcol
13,5% VOL
Uvaggio
100% Pinot Nero
Formato
0,75 l
Regione
Piemonte
Perfetto per
Un aperitivo, Sorprendere gli ospiti, Serata in giardino tra amici, Festeggiare, Una cena importante
Temperatura
6-8° C
Decantazione
Da bere subito
Calice
SPUMANTI METODO CLASSICO
Dosagè
brut
Info legali
Contiene solfiti

Il piatto Perfetto

Faggiano in umido con funghi

Abbinamenti

Antipasti
Aperitivo
Pesce
Sensazioni

Prodotte 1500 bottiglie. Nel calice si presenta di un colore rosato tenue con riflessi aranciati. Il perlage è fine e persistente. Al naso lievito e crosta di pane, sentori delicati di piccoli frutti rossi. In bocca è fresco, fine, buona acidità. Ideale in aperitivo, salumi, crostacei, zuppa di pesce.

Curiosità

La primavera successiva alla vendemmia, quando vi è un naturale rialzo delle temperature, avviene il tiraggio ovvero l’imbottigliamento del vino con l’aggiunta di lievito e zucchero affinché avvenga la rifermentazione in bottiglia secondo i canoni della spumantizzazione metodo classico. In questa seconda fermentazione oltre ad avere un innalzamento della gradazione alcolica, avviene un incremento della pressione all’interno di ogni singola bottiglia; questa pressione è data dall’anidride carbonica, la responsabile delle “bollicine” del perlage che troviamo nei bicchieri dei grandi spumanti metodo classico. Successivamente le bottiglie rimangono a riposare per circa trenta mesi sui lieviti per affinare al massimo la bollicina e per fare sì che il vino acquisisca le note aromatiche apportate dai lieviti. Questo periodo di riposo avviene all’interno delle ex miniere di talco della valle germanasca dove vi è una totale assenza di luce ed una temperatura costante di 10°c durante tutto l’anno, condizioni ottimali per l’affinamento del vino. Una volta all’anno le bottiglie vengono agitate con un coup de poignet o colpo di polso per aumentare il contatto del vino con i lieviti. Trascorsi i 30 mesi viene fatto remauge ovvero viene convogliata la feccia sul collo della bottiglia, segue le dégorgement senza l’aggiunto di alcuna liqueur e la tappatura con il tappo a fungo.

Write Your Own Rasdsadsdeview
Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi o crea un account